Stampa

VERBALE RIUNIONE CICAS DEL 18 MAGGIO 2015

Comitato di intervento per le crisi aziendali e di settore C.I.C.A.S. 

VERBALE RIUNIONE 18 MAGGIO 2015

 Il giorno 18 del mese di Maggio dell’anno 2015, con inizio alle ore 15.00 presso la sede del Regione Abruzzo, in Pescara, , si riunisce il Comitato di Intervento per le Crisi Aziendali e di Settore (C.I.C.A.S.) per l’esame dei seguenti argomenti all’o.d.g.:

Accoglimento periodi di Cassa integrazione Guadagni e di Mobilità in Deroga riferite all’annualità 2014;
Varie ed Eventuali.
Alla riunione, presieduta dall’Assessore, Dott.ssa Marinella Sclocco, presenti la dott.ssa Pina Fasciani in rappresentanza dell’Assessore Giovanni Lolli, il Dott. Tommaso Di Rino, Direttore del Dipartimento Politiche del Lavoro, dell’istruzione, della Ricerca e dell’Univeristà, il Dott. Giuseppe Sciullo, Dirigente del Servizio Politiche per il Lavoro e Servizi per l’Occupazione della Regione Abruzzo, partecipano i rappresentanti di:

Regione Abruzzo;
Amministrazioni Provinciali;
Direzione Regionale I.N.P.S.;
M.L.P.S. – Direzione Regionale Lavoro;
Associazioni dei datori di lavoro;
Organizzazioni Sindacali dei lavoratori;
Italia Lavoro.

Il Presidente, accertata la sussistenza del numero legale in seconda convocazione, apre la seduta, saluta i presenti e procede quindi all’esame degli argomenti posti all’ordine del giorno.

 

I° PUNTO O.D.G.

Accoglimento periodi di Cassa integrazione Guadagni e di Mobilità in Deroga riferite all’annualità 2014.

L’Assessore comunica che con il Decreto Interministeriale n. 89936 del 8 maggio 2015, emesso dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, sono state assegnate alle Regioni e Province Autonome, per la chiusura delle competenze relative all’annualità 2014, ulteriori risorse finanziarie pari complessivamente ad € 478.763.551,00 al fine della concessione o della proroga, in deroga alla vigente normativa, dei trattamenti di cassa integrazione guadagni e di mobilità per la chiusura.

In funzione dei criteri di ripartizione, alla Regione Abruzzo sono state assegnate risorse finanziarie pari ad € 43.521.901,00, di cui € 2.176.095,05, per le finalità di cui all’art. 6, comma 3, del D.I. n. 83473/2014.

L’Assessore conferma che la Regione Abruzzo, unitamente alle altre Regioni, è impegnata a rappresentare al Ministro del Lavoro, la difficile situazione delle aziende e dei lavoratori, sollecitando la necessità di definire il decreto di ripartizione delle risorse per gli ammortizzatori sociali in deroga anche in riferimento all’annualità 2015.

Il Presidente cede la parola al Dott. Giuseppe Sciullo per un report sull’attività di posta in essere.

Il Dott. Sciullo rappresenta che, ad oggi, l’INPS a proceduto a porre in essere pagamenti di CIGD riferiti alle mensilità di gennaio, febbraio, marzo ed aprile e n. 3 mensilità di mobilità in deroga riferiti all’anno 2014. Comunica che con le risorse assegnate con D.I. n. 89936/2015, pari ad € 43.521.901,00 comprensive delle risorse pari ad € 2.176.095,05, destinate per le finalità di cui all’art. 6, comma 3, del D.I. n. 83473/2014, è possibile porre in essere ulteriori determinazioni di autorizzazione e pagamento a totale copertura delle istanze di cassa integrazione guadagni e di mobilità in deroga di competenza dell’annualità 2014.

Dall’attività di istruttoria posta in essere dal Servizio Competente, in collaborazione con Italia Lavoro, risulta che per la Regione Abruzzo, il dato relativo al fabbisogno di risorse finanziarie necessarie a coprire gli accordi per ammortizzatori in deroga per l’anno 2014.

– CIG in deroga relativa ad accordi stipulati entro il 3 agosto 2014 € 27.006.949 di cui al netto del tiraggio presunto del 65% € 17.600.000,00;

– Mobilità in deroga relativa ad accordi stipulati entro il 3 agosto 2014 € 8.931.500,00, di cui al netto del tiraggio presunto del 90% € 8.100.000,00

 

– CIG in deroga relativa ad accordi stipulati dal 4 agosto 2014 al 31 dicembre 2014 € 13.869.901,00 di cui al netto del tiraggio presunto del 65% € 9.000.000,00

– Mobilità in deroga relativa ad accordi stipulati dal 4 agosto 2014 al 31 dicembre 2014 – € 1.000.000,00, di cui al netto del tiraggio presunto del 90% € 900.000,00,

 

Totale CIGD 40.876.850,00 di cui al netto del tiraggio presunto 26.600.000,00;
Totale Mobilità in deroga 9.931.000,00 di cui al netto del tiraggio presunto 9.000.000.
Comunica inoltre che sul SIP/INPS sono state presentate n. 712 istanze di CIGD relative all’annualità 2015, per un impegno di spesa di circa 14.300.000,00.

Rappresenta altresì che, Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con nota a firma del Direttore Generale dell’area Ammortizzatori Sociali e Incentivi all’Occupazione prot. n. 7518 del 25/03/2015, ha trasmesso alle Regioni l’Ordinanza del Consiglio di Stato n. 1108 dell’11/03/2015, con cui si riforma l’Ordinanza del TAR del Lazio n. 6365 del 12/12/2014, ritenendo fondato il ricorso della Confederazione Italiana Libere Professioni avverso l’esclusione degli Studi Professionali dall’accesso alla CIG in deroga prevista nel D.I. n. 83473/2014.

 

Il Presidente passa la parola al Dott. Giuseppe Ferrigno, Dirigente della Direzione Regionale dell’INPS.

Il Dr. Ferrigno, comunica che l’Istituto è in costante e proficuo rapporto con il Servizio regionale competente. Con gli Uffici regionali sono stati definiti i criteri per procedere con la massima celerità a porre in essere le disposizioni di pagamento delle istanze di CIGD e Mobilità in deroga che il CICAS andrà ad autorizzare. Inoltre sono già state date disposizioni alle sedi territoriali dell’INPS perché, immediatamente, dopo le determinazioni di autorizzazione poste in essere dalla Regione Abruzzo, si proceda con le conseguenti attività di liquidazione.

 

Il Presidente preso atto di quanto sopra riportato, conferma che con le risorse finanziarie disponibili, assegnate con il D.I. 89936/2015, è possibile porre in essere autorizzazioni al pagamento di tutte le istanze di cassa integrazione guadagni e mobilità in deroga riferiti all’anno 2014, istruite positivamente.

Il Comitato, tenuto conto di quanto rappresentato dall’Assessore Sclocco, attesa la necessità di disporre, senza indugio, in favore delle migliaia di lavoratori e di aziende della ns. regione, la concessione delle indennità di cassa integrazione guadagni e di mobilità in deroga, nel limite delle risorse assegnate con D.I. 89936/2015, pari ad € 43.521.901,00, compatibilmente con la disponibilità finanziaria di cui alla scheda INPS di Monitoraggio spese CIG e Mobilità in deroga per prestazioni di competenza 2013 e 2014 – Abruzzo,

ALL’UNANIMITA’

CONVIENE E DISPONE QUANTO SEGUE

 

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITA’ IN DEROGA

1a) Accogliere tutte e istanze di mobilità in deroga, riferite all’anno 2014, con istruttoria positiva trasmessa dalle competenti Amministrazioni Provinciali alla Direzione Politiche per il lavoro e servizi per l’occupazione della Regione Abruzzo.

2b) Accogliere tutte le istanze di cassa integrazione guadagni in deroga, riferite all’anno 2014, presenti sul SIP/INPS, istruite positivamente, per il periodo dal 01/01/2014 al 31/12/2014.

Il dott. Sciullo comunica che, a partire dalla data odierna, il Servizio provvederà a definire le prime determinazioni di concessione e pagamento di istanze di cassa integrazione guadagni e di mobilità in deroga, riferite all’annualità 2014, ed autorizzate dal CICAS con il presente verbale ed istruite positivamente dalle strutture competenti.

 

II° PUNTO O.D.G.

Varie ed Eventuali.

 

1) Cassa integrazione guadagni in deroga. Adempimenti del datore di lavoro: trasmissione al CPI dell’Allegato 33 – rif. nota della Direzione Regionale del Lavoro per l’Abruzzo del MLPS prot. 10645 del 23/12/2014.

In relazione a quanto rappresentato dalla Direzione Regionale del Lavoro in merito alla intervenuta comunicazione da parte di alcune aziende del mod. 33, oltre il termine dei 5 giorni previsti, il CICAS, tenuto conto delle successive intervenute disposizioni, all’unanimità concorda che tale ritardo non possa essere sanzionato con l’esclusione dal beneficio richiesto.

Alle ore 15.30 il Presidente dichiara sciolta la seduta.

Del che è verbale, letto, confermato e sottoscritto.