Stampa

SIMEST finanzia le PMI all’estero

Da sempre al fianco delle PMI che ambiscono ad espandere il proprio business nei mercati internazionali, SIMEST – società del gruppo CDP (Cassa Depositi e Prestiti) specializzata nel export credit – ha reso noti i risultati della propria attività di supporto all’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese italiane relativamente al primo trimestre del 2017.

In totale sono stati erogati finanziamenti per 36 milioni di euro, con l’obiettivo di rispondere alle diverse esigenze delle 84 imprese che si sono rivolte a SIMEST, in funzione della fase del loro processo di internazionalizzazione. Si è trattato in particolare di:

  • 4 richieste per effettuare studi di fattibilità;
  • 36 richieste per supporto all’inserimento sui mercati extra UE;
  • 22 richieste per il rafforzamento della patrimonializzazione delle PMI;
  • 31 richieste per la partecipazione a fiere e mostre.

Per quanto riguarda l’ultimo punto, le risorse sono state dislocate in 25 Paesi del mondo. Nello specifico: Australia, Brasile, Camerun, Canada, Cina, Corea del Sud, Cuba, Egitto, Emirati Arabi, Ghana, Giappone, India, Iran, Malesia, Marocco, Messico, Nigeria, Russia, Senegal, Sudafrica, Svizzera, Thailandia, Tunisia, Turchia e USA.

Studi di fattibilità

Il finanziamento a tasso agevolato di durata 4,5 anni è andato a coprire fino al 100% delle spese preventivate per personale, viaggi e soggiorni per la redazione di studi di fattibilità finalizzati a valutare l’opportunità di effettuare investimenti produttivi o commerciali in Paesi extra UE. L’importo massimo finanziabile è di 150mila euro per studi collegati a investimenti commerciali e 300mila euro per studi collegati a investimenti produttivi. In ogni caso il finanziamento non può superare il 12,5% del fatturato medio dell’ultimo triennio.

Finanziabili a tasso agevolato (fino al 100% delle spese preventivate, ma non oltre il 25% del fatturato medio dell’ultimo triennio ed i 2,5 milioni di euro) anche le spese per la realizzazione di un ufficio, show room, negozio o corner in un Paese extra UE e relative attività promozionali. La durata del finanziamento è di 6 anni, di cui 2 di preammortamento.

Patrimonializzazione

Il supporto di SIMEST è rivolto anche alle PMI che intendono migliorare, o anche solo mantenere, il proprio livello di solidità patrimoniale rispetto a uno specifico “livello soglia” (in caso di “livello di ingresso” uguale o superiore al “livello soglia” è prevista una riduzione di garanzia). L’importo massimo finanziabile è di 400mila euro, fino al 25% del patrimonio netto dell’impresa richiedente. Il finanziamento ha una durata massima di 7 anni, di cui 1 o 2 di preammortamento.

Fiere e mostre

Possibile inoltre chiedere un finanziamento a tasso agevolato anche in previsione di spese da sostenere per aree espositive, spese logistiche, spese promozionali e spese per consulenze connesse alla partecipazione a fiere e/o mostre in Paesi extra UE, incluse le missioni di sistema. Tali spese possono essere coperte fino al 100%, purché non superino il 10% dei ricavi dell’ultimo esercizio e/o i 100mila euro. La durata massima del finanziamento è di 3,5 anni di cui 18 mesi di preammortamento.

Made in Italy ed export

Per quanto riguarda il sostegno all’internazionalizzazione e all’export del Made in Italy sono state 20 le imprese finanziate per operazioni commerciali in 9 Paesi del Mondo (Albania, Canada, Cina, Egitto, Emirati Arabi, India, Indonesia, Messico, USA.

Per aiutare le imprese italiane ad esportare il proprio business sui mercati esteri, SIMEST ha previsto:

  • programmi di inserimento sui mercati extra-UE con finanziamento a tasso agevolato delle spese per la realizzazione di un ufficio, show room, negozio o corner in un Paese extra UE e relative attività promozionali, copertura fino al 100% del totale preventivato purché non superiore al 25% del fatturato medio dell’ultimo triennio e/o a 2,5 milioni di euro. La durata del finanziamento è di 6 anni, di cui 2 di preammortamento;
  • partecipazione di SIMEST a un aumento di capitale di imprese extra UE, per le imprese di qualunque dimensione. La partecipazione diretta di SIMEST può arrivare fino al 49% del capitale dell’impresa estera, con sede in un Paese extra UE, e comunque non superiore alla partecipazione dell’impresa italiana promotrice. L’acquisizione della partecipazione – della durata massima di 8 anni – può essere prevista in fase di: costituzione della società estera, aumento di capitale sociale, acquisizione da terzi.

Per approfondimenti: SIMEST - Portale dei finanziamenti